masa daiko

 

giappone
09.06.18
masa daiko

Masa-Daiko, il gruppo percussionista Giapponese, presenta la potenza originale del Taiko! Il gruppo Giapponese Masa-Daiko, nato nel 1996, consiste al momento di 8 percussionisti maschi e femmine. Sotto la direzione dell’artista e multi-percussionista Masakazu Nishimine, Masa Daiko presenta in maniera suggestiva pezzi del ricco repertorio di musica tradizionale Giapponese e opere di Nishimine. Con enorme forza e suspence nel ritmo e nella coreografia, lo spettacolo va ben oltre una normale esperienza concertistica è un vero e proprio spettacolo artificiale creato dai tamburi. Potente, energico, sensuale e avvincente!

Il termine taiko, indica genericamente tutti i tamburi giapponesi, ad eccezione di quelli a clessidra (definiti tsuzumi). La tipologia più nota in Occidente, grazie a gruppi come Kodà, è quella del grande tamburo giapponese a forma di barile. Le origini dei tamburi in Giappone sono incerte, ma possono essere verosimilmente indicate fra il VI e il VII secolo per merito del ritrovamento di una statuetta di argilla dell'epoca che riproduce un tamburo. Il taiko, in quel periodo, veniva usato durante le battaglie per intimidire i nemici ed per inviare comandi alle forze amiche.

In antichità i taiko erano usati negli eventi militari e nelle feste comunitarie dette matsuri. Dalla pratica strumentale dei matsuri deriva, nei tardi anni '50, un genere neotradizionale imperniato su gruppi di tamburi, definiti kumidaiko. Gruppi come i Kodà hanno elaborato, liberamente e in senso virtuosistico, i repertori di diverse zone del Giappone o utilizzato brani composti ex novo. La valle di Suwa, distante 150 chilometri dalla città di Tokyo, è nota per il paesaggio maestoso e per avere diversi miti, che hanno come protagonisti divinità naturali; questa località è famosa anche per l'uso dei tamburi. Qui viene usato un taiko per rendere omaggio alle divinità nei sacrari shintoisti.

 

Video

FACEBOOK

GIORNATE DI MUSICA, CULTURA, CIBO, TRADIZIONI, 26 GRUPPI, 150 ESPOSITORI
IN CASO DI MALTEMPO TUTTE LE MANIFESTAZIONI SONO GARANTITE AL COPERTO