Incas

Gruppo tradizionale del Perù e discendenti diretti del grande popolo del sud America.
Il Tahuantinsuyu ("Impero delle quattro direzioni") è stato vastissimo impero nell'America precolombiana. Secondo la leggenda, il primo imperatore, Manco Capac, era stato mandato sulla terra dal padre, il dio sole, intorno al XII secolo dell’era cristiana e si era stabilito a nord del lago Titicaca (dove sorge Cuzco). Nel suo periodo di massimo splendore, tra il XIII e il XIV secolo, l’impero inca si estendeva per circa quattromila chilometri da nord a sud, lungo la Cordigliera delle Ande e occupava gran parte degli odierni Stati di Ecuador, Perù e Bolivia, così come il nord del Cile e l’Argentina. Il capo politico degli Inca, il sapa inca, dominava circa duecento popoli ed etnie, per un totale di più di dodicimila abitanti che parlavano venti lingue diverse. Anche dopo essere stati conquistati e annessi al potere inca, ai vinti era consentito di conservare la propria lingua, cultura e i propri governanti. Capitale di questo immenso impero era la città di Cuzco, che per gli inca era “l’ombelico del mondo”, residenza del sovrano e sede del Tempio del Sole. L’amministrazione era rigorosamente organizzata; l’idioma delle classi dominanti era il quechua – ancora oggi parlato da molte persone in Perù e in Ecuador. Una fitta rete stradale, che si estendeva per più di 40.000 chilometri, permetteva il trasporto di messaggi e merci. Attraverso il sistema dei chaski – messaggeri veloci - era possibile coprire fino a quattrocento chilometri in un giorno. Tra il 1532 e il 1533 gli eserciti inca vennero però sconfitti dalle truppe spagnole guidate da Francisco Pizarro nella battaglia di Cajamarca e il sapa inca venne assassinato. Così tramontò il sole sull’impero.


Altre date degli Incas
VIDEO INCAS

Gallery

altre immagini del gruppo